Screening per il tumore del seno - Salvator Mundi International Hospital
MENUMENU
  • Screening per patologia >  Screening per il tumore del seno

    Il tumore del seno (carcinoma mammario o tumore alla mammella) si conferma essere il tumore piu’ frequente nelle donne, colpendone una su nove, rappresentando quindi la prima causa di morte per le donne in eta’ compresa tra i 35-55 anni.

    A confermare l’importanza della prevenzione e dello screening oncologico, negli ultimi anni, nonostante si registri un aumento di frequenza della diagnosi, si è avuta una rilevante diminuzione della mortalità delle pazienti diagnosticate.

    Questo risultato e’ stato reso possibile sulla base di una crescente diffusione di diagnosi precoce, identificando sempre piu’ tumori ai primi stadi di sviluppo della malattia, quando i trattamenti e le terapie sono maggiormente efficaci e meno invasive.

    PROGRAMMA SALVATOR MUNDI INTERNATIONAL HOSPITAL | UPMC

    In Italia i programmi di screening oncologici, attualmente offerti dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN), si concentrano sulla diagnosi precoce del cancro della mammella, della cervice uterina e dei tumori del colon-retto, mentre lo screening del cancro del polmone non è ancora contemplato.

    Salvator Mundi International Hospital | UPMC offre un percorso per la diagnosi precoce del tumore al seno così strutturato:

    1. un primo incontro con il Patient Navigator che effettua un’anamnesi del paziente (storia clinica personale, storia familiare, sintomatologia, ecc.) e una dettagliata valutazione del rischio.
    2. una consulenza specialistica con il senologo che, in base all’età del paziente, al tipo di mammella e ai sintomi riportati, se presenti, valuta se prescrivere un’ecografia mammaria, una mammografia o una risonanza magnetica. I risultati dell’esame vengono comunicati nell’arco di 2 giorni.
    3. se i risultati sono negativi viene consigliato un follow-up.
    4. se viene individuata una lesione ritenuta sospetta, vengono fornite al paziente le raccomandazioni per le fasi successive.
    5. se viene diagnosticato un tumore, il medico oncologo esegue una valutazione generale della situazione del paziente e elabora un piano di cura personalizzato condiviso con tutti gli specialisti coinvolti.