Domande frequenti - Salvator Mundi International Hospital
MENUMENU
  • Eye Clinic – Centro di oftalmologia avanzata >  Domande frequenti

    Quando fare la prima visita oculistica?

    E’ importante effettuare uno screening neonatale entro i 3 mesi di vita, seguita da una prima visita al primo anno di vita del bambino e, la seconda, entro i 3 anni. Tali indicazioni esulano eventuali complicazioni rilevate dal medico.

    Con quale frequenza fare le visite oculistiche?

    E’ consigliabile effettuare la visita ortottica almeno ogni 12/18 mesi, slavo indicazione diversa.

    Che cos’è una visita ortottica? Quando si consiglia di farla?

    La visita ortottica è volta alla diagnosi o all’esclusione di anomalie a carico dell’apparato neuromuscolare dell’occhio e delle alterazioni che da questi derivano. L’ Ortottica è una branca dell’oculistica, una disciplina di competenza dell’Ortottista, specialista che tratta le alterazioni della motilità oculare.

    Nell’ adulto una visita ortottica è consigliabile in caso di:

    • Cefalea
    • Affaticamento della vista nella visione da vicino o nella messa a fuoco
    • Difficoltà nella messa a fuoco
    • Visione sdoppiata
    • Stress visivo
    • Difficoltà nella memorizzazione visiva

    Cataratta

    Quando operare una cataratta?

    E’ consigliato dalla maggioranza degli oculisti, di intervenire laddove si apprezzi un calo significativo del visus ascrivibile a tale diagnosi. E’ possibile intervenire anche in età avanzata.

    Quali sono i principali difetti refrattivi correggibili mediante il laser ad eccimeri?

    Astigmatismo, Ipermetropia, Miopia, Presbiopia.

    La cataratta si può operare con il laser?

    L’intervento di cataratta può essere eseguito sia in modo tradizionale (facoemulsificazione), sia con l’ausilio del laser a femtosecondi, che nella prima fase dell’intervento, permette una minore invasività chirurgica. In ogni caso, questa prima fase, precede quella in cui sarà il chirurgo a completare l’intervento in maniera tradizionale. L’idoneità alla chirurgia della Cataratta mediante laser a femtosecondi o facoemulsificazione tradizionale è stabilita dal medico.

    Chirurgia refrattiva

    Cos’è il laser ad eccimeri per correggere i difetti visivi?

    Il trattamento chirurgico con il laser ad eccimeri di ultima generazione è il metodo più preciso oggi disponibile per correggere la miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo. I punti di forza di questa tecnica chirurgica sono la minima invasività e la massima precisione dell’intervento.

    I risultati provenienti da questa chirurgia?

    La stima calcola che il 99% delle persone, dopo un intervento effettuato con il laser, migliora la sua capacità visiva.

    Tutte le persone possono sottoporsi al trattamento laser?

    Non tutti sono soggetti idonei all’ intervento laser. Sarà lo specialista a definire, dopo aver effettuato gli esami di diagnostica preoperatori, a stimare l’idoneità o meno.

    Il trattamento è doloroso? E se muovo l’occhio durante il trattamento?

    Il trattamento è indolore, e la collaborazione del paziente richiesta è di norma molto semplice. I laser presenti in SMIH sono laser di ultima generazione, dotati di un sistema chiamato “eye-tracker”, che segue i movimenti dell’occhio agevolando la collaborazione del paziente.

    Qual è l’età minima per poter effettuare l’intervento?

    Condizione base per poter essere sottoposto al trattamento è la stabilità da almeno 2 anni del difetto refrattivo. E’ consigliabile dunque avere un’età non inferiore ai 20 anni. In ogni caso sarà il medico a stabilirne l’età ideale a seconda del tipo di difetto da trattare.

    Quali sono i principali difetti refrattivi correggibili mediante il laser ad eccimeri?

    Astigmatismo, Ipermetropia, Miopia, Presbiopia.