I nuovi reparti di Terapia Intensiva, Emodinamica e Radiologia Interventistica - Salvator Mundi International Hospital
MENUMENU
    • 06 GIU 18
    I nuovi reparti di Terapia Intensiva, Emodinamica e Radiologia Interventistica

    I nuovi reparti di Terapia Intensiva, Emodinamica e Radiologia Interventistica

    La tecnologia avanza con i nuovi reparti di Terapia Intensiva, Emodinamica e Radiologia Interventistica, che sono stati inaugurati al Salvator Mundi International Hospital-UPMC (SMIH-UPMC) e che vanno a completare l’offerta sanitaria dell’ospedale, in continua crescita.
    Si amplia così il ventaglio delle prestazioni a disposizione del paziente, dalla fase diagnostica, a quella interventistica fino al post-operatorio.

    La terapia intensiva al momento dispone di 4 letti, di cui 1 di isolamento e a breve verrà integrata con ulteriori 3 postazioni. Il reparto è coordinato dalla dott.ssa Simona Servetti, con la supervisione del prof. Remo Orsetti. Coordinatrice infermieristica è Jessica Campitiello.

    Nel nuovo reparto di terapia intensiva è stata strutturata l’Emodinamica, l’innovativa area di cardiologia interventistica che consente, in un’unica struttura (al secondo piano dell’ospedale), di completare in maniera tempestiva il ciclo dell’assistenza cardiologica, dalla fase interventistica a quella della riabilitazione cardiologica. Un traguardo importante che si va a sommare alle altre moderne tecnologie diagnostiche di primo livello, invasive e non invasive, già presenti nel nostro ospedale, come ad esempio la Tac di ultima generazione e la risonanza magnetica con programma cardiaco.

    Al paziente viene assicurata anche l’assistenza nel decorso post operatorio sia in terapia intensiva che per il trattamento di qualsiasi tipo di dolore, post operatorio o cronico, per il quale, tra l’altro, in SMIH-UPMC ci si può rivolgere al Centro multidisciplinare di Terapia del Dolore, il primo italiano su modello americano, coordinato da specialisti certificati dal World Institute of Pain (WIP).

    Da oggi, inoltre, i pazienti di SMIH-UPMC possono contare anche sul nuovo reparto di Radiologia Interventistica, realizzato sempre al secondo piano dell’ospedale con tecnologie innovative, in grado di accogliere e trattare pazienti con diverse e numerose tipologie di problematiche. Qui vengono effettuate procedure per pazienti con patologie oncologiche, urologiche, vascolari ed altre ancora, per trattamenti ambulatoriali o in ricovero, per cure più importanti o che necessitano di approcci multidisciplinari come quelli in collaborazione con l’anatomopatologo, l’oncologo per patologie metastatiche epatiche o il chirurgo specializzato in trapianti epatici ad esempio.

    Prosegue, dunque, il percorso avviato nel 2013 che ha portato l’ospedale alla completa riqualificazione, con il rifacimento di quasi tutti i reparti, sale operatorie, radiologia, oltre alla realizzazione del centro di fisioterapia e riabilitazione dotato di piscina per idrokinesiterapia ed ora della terapia intensiva, dell’emodinamica e della radiologia interventistica. Sempre verso l’eccellenza e la ricerca dell’appropriatezza nelle cure, per porci come punto di riferimento nella sanità nazionale ed internazionale, com’è d’altronde nella vocazione dell’ospedale fin dalla sua nascita nel 1951 e ancor più oggi, anche grazie alla partnership con UPMC.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.